Con questa novità, ogni famiglia riceverà fino a 250 euro al mese per ogni figlio a carico, dal settimo mese di gravidanza fino ai 18 anni e può arrivare fino al 21esimo anno di età, con maggiorazioni in caso di bambini disabili.

Una misura universale, progressiva e giusta, che includerà anche partite Iva e incapienti. E che ci consentirà di contrastare la povertà minorile, di sostenere la natalità e di aiutare concretamente tutte le famiglie, soprattutto quelle più in difficoltà.

COME FUNZIONA

L’assegno unico e universale mensile per i figli a carico riordina le misure a sostegno delle famiglie con figli a carico fino a 21 anni di età concentrando in un’unica soluzione i vari aiuti già esistenti per le famiglie come assegni, bonus e detrazioni. Avrà un valore massimo di 250 euro calcolati in base all’Isee, tenendo conto dell’età dei figli a carico. La misura partirà dal 1° luglio 2021.

La famiglia beneficiaria potrà scegliere se ricevere direttamente l’assegno mensile oppure ottenere un credito d’imposta. L’assegno unico è rivolto a tutti i cittadini italiani, a quelli dell’Unione europea e agli extracomunitari con permesso di soggiorno di lungo periodo, di lavoro o di ricerca, residenti in Italia da almeno due anni anche non continuativi e, ovviamente, con figli a carico (dal settimo mese di gravidanza fino ai 21 anni di età).

A beneficiare dell’assegno unico sono i lavoratori dipendenti, pubblici e privati, gli autonomi, i liberi professionisti e i disoccupati. L’assegno è riconosciuto ad entrambi i genitori, tra i quali viene ripartito in egual misura.

Per la fascia 18-21 l’assegno è ridotto rispetto a quello rivolto ai figli minorenni ed è vincolato ad alcune condizioni: il figlio maggiorenne deve essere iscritto all’università o a un corso di formazione scolastica o professionale. Ha diritto all’assegno anche il figlio over 18 e under 21 che sta svolgendo il servizio civile universale, un tirocinio o un’attività lavorativa limitata che assicuri un reddito molto basso. Rientrano nella categoria anche i ragazzi under 21 disoccupati e in cerca di lavoro.

L’assegno unico sarà maggiorato per ciascun figlio con disabilità fino a 21 anni fi età per un’aliquota compresa tra il 30% e il 50%, graduata secondo la classificazione della disabilità. L’assegno è riconosciuto anche ai figli disabili con età superiore ai 21 anni senza però alcuna maggiorazione.

Share Button

“Le scuole lombarde devono riaprire in sicurezza, anche in zona rossa. Garantire una didattica in presenza, anche se ridotta, è una priorità per tutti gli ordini e gradi e non solo fino alla prima media. Regione Lombardia segua la sentenza del Tar del Lazio circa il ricorso presentato dal Comitato lombardo “A Scuola!” e si attivi per ottenere un regime di didattica differenziato a seconda del quadro epidemiologico locale. Le chiusure totali non sono la risposta giusta: se le scuole non sono sicure che le si metta in sicurezza e non si faccia ricadere tutto il peso di questa inadeguatezza ai cittadini più deboli. Si deve garantire il diritto allo studio e preservare l’equilibrio psicologico dei ragazzi costretti alla Dad” commenta il consigliere regionale del Partito Democratico, Angelo Orsenigo.

“Il rischio zero non esiste e serve un’azione reale delle istituzioni affinché studenti, docenti e personale scolastico possano tornare negli istituti in sicurezza. Regione Lombardia faccia tutto il possibile, investendo su un trasporto adeguato che permetta il distanziamento, sul tracciamento a tappeto per trovare ed isolare i casi positivi e su modalità efficaci di aerazione e sanificazione degli spazi. Regione deve finanziare e realizzare questi interventi, perché se la pandemia c’è da 13 mesi, non dobbiamo dimenticarci che gli studenti hanno passato in dad 2 anni scolastici” conclude il consigliere comasco.

“Mentre arrivano immagini dell’avanzamento degli allestimenti di Lariofiere, che servirà i territori di Como e Lecco, dal suggestivo hub tutto comasco di Villa Erba ancora nessuna notizia concreta e ancora si deve progettare come possa sostenere un carico così pesante, tra organizzazione e viabilità. Nello stato più nebuloso e confuso possibile, tutto è lasciato senza una guida certa e univoca. Chi riesce a fare partire vaccinazioni agli allettati, riesce in un mezzo miracolo. Perché nessuna guida o comunicazione è arrivata da Ats e così l’iniziativa e proposta del singolo, sindaco o medico di base, può essere accolta o respinta, senza che si capisca il criterio. Il risultato è che in alcuni comuni si vaccinino gli allettati direttamente a domicilio, in altri no, in altri ancora solo parzialmente. Le motivazioni non sono date di sapere, come non è dato di sapere le tempistiche in cui finalmente questi cittadini fragili potranno ricevere il vaccino. Ma la tutela della salute pubblica è un dovere e avere misure sanitarie idonee e uguali in qualunque parte del territorio ci si trovi, è un diritto fondamentale. Manca totalmente il bastone guida e Regione Lombardia ancora una volta dimostra che l’organizzazione di Ats Insubria è troppo lenta e lacunosa” dichiara Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Partito Democratico.

Nella puntata di oggi di Studio24 a Rai News24 ho parlato, tra le altre cose, del caso di Regione Lombardia, dell’estrema lentezza e della totale inefficienza del sistema organizzativo che la Lombardia, la mia regione, sta dimostrando nella gestione della somministrazione dei vaccini degli over 80 e non solo.

Una situazione che ha reso evidente anche le forti difficoltà dei vertici regionali nel dialogare con lo stesso territorio lombardo, con i Comuni e i Sindaci, di ogni colore politico, che insieme ai cittadini chiedono risposte certe e operative per dare finalmente attuazione alla campagna di vaccinazione contro il Covid-19. Mentre ad oggi ci ritrovano con tante promesse dette ma purtroppo mai mantenute.

Nel momento più difficile della sua storia l’Europa ha risposto in modo non scontato con coraggio e visione, mettendo in discussione dogmi e rigidità del passato. Grazie all’approvazione del Next Generation Eu i paesi europei si sono dotati di uno strumento decisivo per rispondere alla grave e inedita crisi provocata dalla pandemia. Un’iniziativa che segna un mutamento di prospettiva e un cambio di passo invocato da anni e ottenuto grazie al contributo decisivo dell’Italia.

Il Partito democratico è stato determinante, nel governo Conte prima e ora nel governo Draghi, per definire quel risultato e, in questa fase, per dispiegarne appieno gli effetti positivi. Con lungimiranza l’Unione europea ha destinato le ingenti risorse del Next Generation Eu agli obiettivi della coesione e della transizione digitale e ambientale, con l’intento di azzerare le emissioni nette di CO2 entro il 2050 e rispettare così gli Accordi di Parigi. Nella stessa direzione saranno finalizzati larga parte del bilancio comunitario 2021-2027 e gli obiettivi del Green Deal europeo. Si tratta di una sfida enorme che richiede di mobilitare le migliori energie istituzionali, politiche, sociali, culturali, tecnologiche, l’apporto di risorse private a fianco di quelle pubbliche, il coinvolgimento delle realtà economiche e produttive e soprattutto la partecipazione dei cittadini.

Idrogeno e biometano

L’Italia, in Europa e nel mondo, può inequivocabilmente dare un contributo importante alla sfida della ricostruzione post Covid-19 grazie alle molte eccellenze “sostenibili” di cui dispone. Penso alle tante opportunità legate all’ambiente e alla transizione ecologica, al primato italiano sul riciclo dei rifiuti e alla riconversione in chiave green di interi settori produttivi, anche di quelli tradizionali, per rendere più competitiva la nostra manifattura e produrre nuove occasioni di lavoro di qualità.

Molto però resta ancora da fare. Occorre sviluppare una filiera italiana dell’idrogeno, accelerare la produzione di energia da fonti rinnovabili, superando i blocchi di questi ultimi anni e prevedendo processi autorizzativi più rapidi e certi, anche per il revamping degli impianti esistenti. Sull’economia circolare è quanto mai necessario investire risorse nel potenziamento della raccolta differenziata, in particolare della frazione organica, nell’ammodernamento e realizzazione di impianti tecnologicamente avanzati finalizzati soprattutto al recupero di materia e alla produzione di biometano da impiegare soprattutto nel trasporto pubblico. Politiche di investimento che devono servire a colmare il divario ancora esistente tra aree del paese, in particolare tra Nord e Sud, accompagnando i livelli di governo territoriali nella realizzazione degli investimenti in tempi certi e costruendo il consenso tra i cittadini. Azioni in materia di risorse idriche, così come la cura del territorio, politiche efficaci di contrasto al consumo di suolo e al dissesto idrogeologico, tutela della biodiversità e valorizzazione delle aree protette.

Abbiamo visto, nella pandemia ancora in corso, quanto le città svolgano un ruolo cruciale nel promuovere le dinamiche di innovazione, offrendo le più ampie opportunità per le imprese e le persone. Le città oggi rappresentano il contesto più sfidante per qualità della vita, sostenibilità ambientale, salute e inclusione sociale. E, conseguentemente, le città sono ambiti privilegiati di investimento per le politiche green, dal trasporto alle misure di adattamento ai cambiamenti climatici e di riduzione delle emissioni.

Per questo sono necessarie politiche di rigenerazione urbana integrata, che uniscano la dimensione della riqualificazione fisica degli spazi a quella di lotta al degrado sociale ed economico, interventi di forestazione urbana e azioni di contrasto all’inquinamento atmosferico. Al centro di questa rivoluzione verde deve trovare spazio un rinnovato patto sociale per l’agricoltura, uno dei settori produttivi con il maggior impatto sull’ambiente. La riconversione agro-ecologica può contribuire in maniera decisiva a mitigare i cambiamenti climatici, e contenere la riduzione di biodiversità e realizzare obiettivi di economia circolare.

Assunzioni

Molti di questi obiettivi sono parte del Pnrr che il governo si appresta a presentare alla Commissione europea: risorse ma anche riforme, a partire da quella essenziale della pubblica amministrazione che deve servire a mettere a disposizione nuove professionalità e competenze per accompagnare lo sviluppo di progetti e investimenti innovativi e sostenibili, con l’assunzione di donne e giovani in tutti i livelli della pubblica amministrazione. Abbiamo intelligenze, tecnologie e un enorme potenziale umano che sono una straordinaria possibilità per non sprecare questa crisi. Farlo è un dovere per il futuro nostro e per chi verrà dopo di noi.

“Bertolaso avrebbe forse preferito petali di rose e drink di benvenuto all’hub di Muggiò? Ma soprattutto, vista la violenza della pandemia, un hub vaccinale dove fare vaccinazioni in maniera più spedita possibile deve essere suggestivo o efficace?” si chiedono Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Pd, Gabriele Guarisco e Patrizia Lissi, consiglieri Dem in Comune a Como. 

“Tra la piscina bloccata dalle indecisioni della giunta comunale, il progetto di riqualificazione del palazzetto e del parcheggio ancora fermo, nonostante i fondi del Patto della Lombardia siano a disposizione dal 2017, e l’irrisolta questione della Piazza d’Armi, che la situazione dell’area di Muggiò non sia nelle migliori condizioni non è un mistero. O meglio, lo è per chi come Guido Bertolaso viene da fuori Como. Peccato che alle passerelle tenutesi a Muggiò ci fossero tutti gli esponenti comaschi di Regione Lombardia che sono a conoscenza delle condizioni dell’area. Ora se Bertolaso ritiene che posizionare l’hub vaccinale a Villa Erba sia un’opzione migliore, ben venga, purché lo faccia in fretta – continuano gli esponenti Dem – Sarebbe però interessante sapere che cosa ne pensa il sindaco Landriscina di una simile stroncatura del lavoro fatto a Como”.

“A Bertolaso, comunque, chiediamo di preoccuparsi non solo dell’indecenza ma anche e soprattutto dell’inefficienza con cui Regione Lombardia ha finora condotto la campagna vaccinale, considerato che ancora molti ultraottantenni, anche a Como, stanno aspettando notizie da più di un mese per avere la somministrazione del vaccino Come ha detto oggi il presidente Draghi in Senato: “Per quanto riguarda la copertura vaccinale di coloro che hanno più di 80 anni, persistono purtroppo importanti differenze regionali, che sono molto difficili da accettare”. A Como stiamo avendo prova, giorno dopo giorno, di una situazione totalmente inaccettabile” concludono.

Anche quest’anno rinnovo con piacere l’adesione mia e del Partito Democratico all’iniziativa ‘M’illumino di meno’ lanciata già nel 2005 da Caterpillar e Rai-Radio2, quest’anno dedicata al ‘Salto di Specie‘, l’evoluzione ecologica nel nostro modo di vivere necessaria per tutelare l’ambiente e uscire migliori dalla pandemia. E lo faccio oggi con ancora maggior convinzione alla luce di quel delicato equilibrio tra ambiente, uomo e salute che mai come in questo tempo abbiamo riscoperto essere così fragile, imparando a nostre spese come una sua rottura possa risultare così drammaticamente irreversibile per le nostre vite, per quelle delle future generazioni e per il pianeta, l’unico che abbiamo.

A dimostrarlo sono le conseguenze lente, costanti ma Inesorabilmente devastanti del surriscaldamento della temperatura del pianeta, del cambiamento climatico, ma anche gli effetti repentini di una crisi pandemica generata da un virus sconosciuto, aggressivo e letale come il Covid-19 e le sue subdole varianti, Contro cui ancora oggi stiamo combattendo.

L’invito per oggi, 26 marzo, è quello di spegnere tutte le luci non indispensabili, piccole azioni, piccole “utopie minimaliste” diffuse dall’iniziativa di ‘M’illumino di meno‘, che mirano a ridurre i Consumi e a sensibilizzare tutti noi alle trasformazioni eco-sostenibili. Un gesto simbolico che è racchiuso anche nella proposta di legge, presentata a mia prima firma in Parlamento, per l’Istituzione della Giornata nazionale del Risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili‘ che spero diventi presto realtà.

Una spinta che però deve saper andare oltre le singole azioni, alimentando la consapevolezza che non solo è necessario ma ormai inevitabile costruire una ripresa nazionale e globale sostenibile, più rispettosa dell’ambiente, che sappia ridurre le disuguaglianze sociali.

Chiara Braga

Share Button

“Con il nuovo corso indicato dal neosegretario nazionale, Enrico Letta, il Partito Democratico ha l’occasione di ripartire dalle basi, dalla comunità politica attiva sul territorio, dai circoli e dagli iscritti. Anche a Como i nostri circoli potranno confrontarsi sui punti programmatici presentati dal Segretario e elaborare le proposte da sottoporre al coordinamento nazionale. Così, dal basso verso l’alto, tutti potranno contribuire alla formulazione delle nuove politiche di cui il Partito Democratico sarà fautore in questa nuova fase” dichiara Federico Broggi, segretario provinciale del Partito Democratico di Como, commentando l’iniziativa lanciata dal segretario nazionale Letta a seguito della sua nomina.

“I circoli della provincia di Como avranno fino al 31 di marzo per riunirsi e confrontarsi sulle questioni sollevate nel discorso programmatico del Segretario. Le proposte che ne deriveranno verranno prese in diretta considerazione a livello centrale – continua Broggi – Dalle pari opportunità, alla transizione all’economia verde, fino allo ius soli, ai giovani e le politiche del post-Pandemia, si tratta di una possibilità unica per innescare una preziosa discussione interna alla nostra comunità, contribuire in maniera reale alla direzione futura del Partito e fare la nostra parte nel dare risposte ai grandi problemi del nostro tempo”. 

“Ieri il Tavolo della Competitività e lo Sviluppo della provincia di Como ha indicato il completamento della tangenziale di Como, l’elettrificazione della Como-Lecco e la regionalizzazione della navigazione di linea sul Lario come priorità per il nostro territorio. Bene, sono opere necessarie che da rappresentante del Partito Democratico chiedo da anni. Ora serve concretezza e confronto tra istituzioni perché queste diventino finalmente realtà” dichiara il consigliere regionale del Partito Democratico, Angelo Orsenigo.

“Sulla tangenziale di Como, il Tavolo per la competitività ha indicato la necessità di un secondo lotto il cui utilizzo andrebbe incoraggiato con la gratuità del pedaggio. Sarebbe assurdo però avere un secondo lotto gratuito, mentre il primo è ancora a pagamento. Regione Lombardia quindi mantenga le promesse: porti avanti l’opera e renda entrambi i tratti di strada gratis per i comaschi che finora hanno dovuto pagare per un’infrastruttura incompiuta” continua il consigliere comasco.

“Sull’elettrificazione della Como-Lecco, Rfi ha già annunciato voler rendere definitivo il progetto con la possibilità di candidarlo alle risorse del Recovery Fund. Ma è anche urgente aumentare il numero delle corse per offrire un servizio efficiente. Come ho già chiesto all’interno Commissione speciale Rapporti tra Lombardia, Istituzioni europee, Confederazione Svizzera e Province autonome, Regione Lombardia deve aprire un tavolo permanente con i sindaci i cui Comuni sono interessati dalla tratta – aggiunge Orsenigo – Una Como-Lecco elettrificata e potenziata è negli interessi anche del Canton Ticino: un partner strategico che Regione Lombardia deve coinvolgere” continua il consigliere.

“Infine, bisogna arrivare alla regionalizzazione del trasporto lacustre. A riguardo, ci sono già delle proposte avanzate in passato dallo Stato ma che sono ferme a causa di un’intesa mancata con Regione Lombardia. Riprendiamo quindi il dialogo in maniera costruttiva e finalizziamo il passaggio di competenza indispensabile per lo sviluppo turistico del Lario” conclude Orsenigo.

Le istituzioni